9 errori da evitare nella versione mobile del tuo eCommerce

I numeri non mentono: 1,79 miliardi di persone acquistano online in tutto il mondo (dato del 2017), e questo numero è destinato ad aumentare.

E il 43% di queste sessioni è avvenuta tramite versione mobile dell’eCommerce.

Gli analisti prevedono che nel corso di questi prossimi anni la percentuale di acquisti tramite dispositivi come smartphone e tablet salirà fino al 50%.

Proprio per questo è fondamentale utilizzare una strategia cross-channel e migliorare l’user experience della versione mobile del tuo eCommerce.

In questo articolo troverai una lista di 9 punti che non possono essere trascurati se vuoi aumentare le vendite del tuo eCommerce.

Vediamole subito!

 

Zoom sulle immagini

 

ux versione mobile ecommerce gesture

 

Mai sentito parlare di “gesture”?

Vengono definite così l’insieme di interazioni (touch) che permettono di esplorare un sito o un’app.

Mi riferisco per esempio al doppio tap, allo zoom con due dita o allo swipe laterale.

Nella versione mobile del tuo eCommerce gli utenti si aspettano di poter interagire attraverso queste “gesture” che quotidianamente utilizzano in tutte le altre app. 

Infatti, durante l’utilizzo del tuo sito, le statistiche confermano che viene naturale scoprire i prodotti ingrandendo le immagini per osservarne i dettagli proprio attraverso queste gesture. 

Ricorda che coloro i quali non riescono ad avere maggiori informazioni visive sono anche quelli che poi faranno più resistenza all’acquisto.

Ma dare la possibilità di fare lo zoom sulle immagini da sola non basta.

C’è bisogno di avere anche immagini ad alta risoluzione, perché un’immagine di bassa qualità non racconta nulla e produce lo stesso effetto di insoddisfazione. 

Inoltre, anche se l’utente si aspetta di utilizzare queste gesture su un dispositivo, reddito comunque evidente attraverso le icone o le rappresentazioni grafiche. 

Non è mai banale farlo presente.

LINK: Approfondisci le tue conoscenze sulle gesture

 

Funzione “salva per dopo” nel carrello

Nella versione mobile del tuo eCommerce (e anche desktop) il carrello dovrebbe dare la possibilità di “versione mobile del tuo eCommerce” gli articoli aggiunti.

Perché questa funzionalità?

Il 61% degli utenti che aggiunge prodotti nel carrello da mobile, completa l’acquisto da desktop.

Puoi facilmente capire come è importante dare la possibilità di riprendere l’acquisto proprio là dove si era interrotto.

Un carrello che si ricorda quali articoli l’utente ha aggiunto e li mostra indipendentemente dal device che viene utilizzato è un aspetto determinante per il tuo fatturato. 

L’utente non deve cercare gli articoli e aggiungerli nuovamente, ma sarà il tuo carrello a farlo per loro e vedrai che le tue probabilità di portare a casa la vendita aumenteranno notevolmente.

In questo modo migliori anche la user experience della versione mobile tuo eCommerce!

Pianifica anche una strategia per il recupero dei carrelli abbandonati. Inciderà notevolmente sul tasso di conversione.

 

Utilizza form descrittivi

 

 

Premesso che il numero dei form deve essere il minimo sindacale, è importante che tu sappia anche come renderli meno traumatici per chi poi li deve compilare.

Ogni volta che l’utente deve inserire un dato, questa azione gli richiede tempo ed energia, cose che mediamente scarseggiano durante la navigazione.

Per questo se dai al tuo utente la possibilità di velocizzare questo sforzo stai sicuro che ne sarà contento.

Rassicura l’utente e permetti di ridurre la sua sensazione di ansia che si crea quando vieni intervistato indicando anche il perché vuoi sapere determinati dati.

“Inserisci l’indirizzo dove vuoi che la merce venga spedita”.

Oppure anche “inserisci la mail per poter ricevere l’aggiornamento sulla spedizione”.

Altri aspetti da considerare:

  • Evita menu drop-down. Usa piuttosto steppers e switch
  • Avanza automaticamente al campo successivo quando l’utente completa l’inserimento.
  • Se il campo richiede un input testuale mostra la tastiera, mentre se richiede un input numerico, come un numero di telefono, mostra il tastierino numerico.

LINK: Progetta al meglio i form del tuo sito

 

Suggerimenti, correzioni ed errori

Aiutare l’utente durante la ricerca di un prodotto suggerendogli le query di ricerca più utilizzate in base ai caratteri già digitati risulta una strategia vincente.

Aiuta a velocizzare questa fase di ricerca e ti permette anche di indirizzarlo verso i prodotti più richiesti.

Un’altro feedback essenziale che devi dare è quello di indicare dove l’utente ha commesso un errore, qualora ci fosse.

Evita di dire “c’è un errore” in modo così generico. 

Non è sufficientemente chiaro quale errore è stato fatto né tantomeno dove si trova.

Evidenzia quindi i campi che contengono degli errori e soprattutto indica perché il quel campo è sbagliato.

La frustrazione che si crea quando si sa di aver sbagliato, ma non si sa cosa correggere è devastante per l’utente e per le tue vendite.

Se invece dai la possibilità di correggere subito lo sbaglio, vedrai che la user experience del tuo eCommerce ne risentirà in modo positivo.

Per facilitare la vita ai tuoi utenti potresti anche prevedere di aggiungere la funzionalità di auto-completamento.

Per esempio quando si tratta di inserire il luogo di residenza o consegna.

Se un utente inserisce Italia come paese, è inutile mostrare tutti i comuni e città del mondo. Mostragli solo quelle Italiane. Ha più senso.

Oppure chiedigli la città e in automatico aggiorna la provincia.

Semplici accortezze, ma che fanno la differenza.

 

Microinteraction per aumentare la user experience

Che mondo sarebbe senza microinteraction!

Se ti stai chiedendo cosa diavolo siano, ti dico subito che quasi sicuramente le utilizzi tutti i giorni. 

Sono animazioni che aiutano a seguire il processo di navigazione e raggiungere un certo obiettivo.

Pensa a quando metti un Like su Facebook, se tieni premuto il “mi piace”  compaiono le varie emoji. Scorrendo con il dito sopra ognuna di esse  queste si animano.

Ecco queste sono le microinteraction.

Ma le possiamo trovare anche negli slider di immagini, nella selezione del colore di un prodotto o anche nella sua valutazione, o più semplicemente quando interagiamo con un pulsante.

Sono così importanti (e invisibili) proprio perché permettono di dare continuità all’azione che l’utente sta’ svolgendo.

In più, visto che si interagisce con le dita, queste microinteraction risultano molto gradevoli anche sul piano interattivo, dano una sensazione ludica e ci fa tornare un po’ tutti bambini.

Allora perché non rendere divertente anche la tua esperienza d’uso? Scopri come migliorare le tue microinteraction.

 

Se questo post ti sta’ piacendo lascia un “Mi Piace” sulla mia pagina Facebook

 

Thumb-zone per migliorare l’interazione

Sai in che posizione i tuoi utenti utilizzano la versione mobile del tuo eCommerce? Verticale o orizzontale?

Perché questa domanda?

Puoi capire se la navigazione è agevole o se è troppo difficile interagire valutando se la posizione degli elementi rientra nella thumb-zone. 

L’ideale sarebbe disporre gli elementi importanti come pulsanti e menu nelle zone in cui è più facile arrivarci con il pollice. 

Questo permette un comfort ideale durante tutta l’esperienza d’uso del tuo eCommerce.

Senso di sicurezza

Immagina di dover fare un pagamento e di dover utilizzare la tua carta di credito.

Ma stai acquistando su un sito nuovo per te. Non hai mai fatto nessun acquisto e ovviamente i tuoi dubbi iniziano a mostrarsi: sarà sicuro fare un acquisto qui? E se poi non va a buon fine? E se poi si blocca tutto e non so se ho pagato o meno?

Quando si tratta di pagare online la paura di commettere errori si manifesta quasi sempre, e raddoppia se l’operazione avviene da mobile.

Quindi non risparmiarti nell’indicare in che modo avvengono i pagamenti, indicare che l’operazione avviene in un ambiente protetto e sicuro, che i tuoi strumenti permettono di essere tutelati qualora succedessero degli imprevisti.

Sembrerà banale, ma può far la differenza tra una vendita e un carrello abbandonato.

 

Il campo di ricerca e i filtri

 

ux versione mobile ecommerce search

 

Hai un bel menu di navigazione, progettato bene e con categorie ordinate e ben riconoscibili.

Ma devi sapere che gli utenti hanno esigenze differenti. 

C’è chi si trova bene ad esplorare le varie categorie, curiosando tra i tuoi prodotti offerti, navigando fra le varie schede prodotto e chi invece preferisce una soluzione più immediata.

Da desktop si ha un monitor solitamente abbastanza grande da poter cedere magari tutte le voci del tuo menu insieme e scorrere con l’occhio su quelle più interessanti.

Da mobile invece, la maggior parte delle volte, il menu è condensato per occupare il minor spazio possibile e per questo la fase di scoperta risulta più problematica.

Per questo motivo la barra di ricerca svolge un ruolo fondamentale nel tuo eCommerce versione mobile.

Un utente che sa che prodotto vuole, ma non sa in che categoria si trovi, sfrutterà sicuramente questa funzionalità.

Perciò dovrà essere un compito veloce e lineare. 

Dovrà essere posizionata in modo da essere ben visibile e possibilmente avere la possibilità di suggerire la parola cercata, mostrando magari anche i prodotti che sono strettamente collegati alla ricerca.

Inoltre se siamo in presenza di lunghe liste di prodotti, è bene prevedere la possibilità di filtrare questa lista in base a determinate caratteristiche e dovrai assicurarti che l’interazione su dispositivi mobilie si fluida e ottimale.  

 

Velocizza e alleggerisci la fase di check-out

ux versione mobile ecommerce checkout

 

Ok, il tuo utente ha riempito il carrello ed ora è pronto all’acquisto.

Perché non fai in modo che diventi una operazione talmente semplice e banale che nemmeno si sarà accorto di aver già pagato?

In questa delicata fase il 35% degli utenti abbandona perché risulta troppo complicato terminare l’acquisto.

Cosa considerare allora per migliorare la user experience del tuo eCommerce?

Innanzitutto gli step. Dividi il tuo check-out in passaggi, in modo da agevolare l’esecuzione di singoli compiti uno alla volta invece di vederli tutti insieme in un’unica pagina.

A maggior ragione se lo schermo è piccolo.

Se il tuo check-out prevede 3 passaggi allora indica in che punto del processo ci si trova e quanto manca alla fine.

Non tutti saranno già registrati al tuo eCommerce, e nemmeno tutti vorranno farlo. Prevedi quindi la possibilità di ultimare il processo anche senza dover effettuare la registrazione. 

Indirizzo di consegna e fatturazione saranno gli unici dati necessari.

Piuttosto invita l’utente a registrarsi solamente dopo aver ultimato il check-out. Avrai più probabilità che lo faccia dopo aver completato il suo acquisto.

LINK: Checkout one page o checkout multi page: tu da che parte stai?

 

Conclusione

Anche se progettare l’esperienza utente del tuo eCommerce e ottimizzarla per mobile richiede molto lavoro, questi 9 aspetti sono un buonissimo punto di partenza per aumentare le vendite del tuo eCommerce.

Aumentare la user experience del tuo eCommerce sarà più semplice se saprai dove intervenire. 

Ricapitoliamo cosa abbiamo visto:

  • Zoom sulle immagini
  • Funzione “salva per dopo” presente nel carrello
  • Utilizzo di form descrittivi
  • Suggerimenti, correzioni ed errori
  • Microinteraction per aumentare la user experience
  • Thumb-zone per migliorare l’interazione
  • Aiuta a creare un senso di sicurezza
  • Ottimizza Il campo di ricerca e i filtri
  • Velocizza e alleggerisci la fase di check-out

Infine se vuoi veramente dare una spinta al tuo ecommerce dal lato esperienza utente, allora ti consiglio di leggere anche Come migliorare la User Experience del tuo eCommerce